Dal mese di AGOSTO del 2018 a Torino, Biosfera ha avviato un CAS centro di accoglienza straordinario per adulti richiedenti asilo.

Il Servizio offre, a 6 ragazzi, alloggio, protezione e tutela nel rispetto dei loro diritti e favorisce il graduale avvio verso l’autonomia e l’inserimento nella società e nel nostro territorio.

Nella casa HOME 18, sempre a regime dei posti, ci sono ragazzi/ragazze di diverse etnie, provengono dal Pakistan, Bangladesh, Costa d’Avorio e Senegal.

Immaginare quali siano i percorsi che hanno condotto questi giovani in Italia, le loro storie, le aspettative o i desideri è impossibile. Il primo obiettivo è quello di offrire loro un supporto sia materiale che relazionale, creando un clima familiare e rispettoso delle differenze religiose e culturali.

Al progetto di accoglienza lavora una piccola équipe multidisciplinare formata da un referente di progetto, un coordinatore, un mediatore culturale, un legale e un assistente sociale. Il medico della mutua è garantito dal SSN mentre all’occorrenza la cooperativa garantisce in convenzione del servizio infermieristico. Il legale insieme al referente del progetto e all’assistente sociale si occupa di seguire le procedure relative all’identificazione, alla richiesta del permesso di soggiorno da presentare nella Questura di Torino e di dare tutte le informazioni necessarie sui diritti e i doveri previsti dalla normativa, nonché sulla possibilità di richiedere la protezione internazionale, il ricongiungimento familiare e il rimpatrio assistito.

I giovani vengono accompagnati a fare tutti gli accertamenti sanitari necessari, curando anche gli aspetti di tipo socio-psicologici, individuando eventuali e particolari fragilità che richiedano un’assistenza più specifica. Si lavora in rete con il territorio, con i servizi sociali e sanitari.

Durante la settimana i minori possono seguire diversi corsi per l’apprendimento della lingua italiana organizzati dalla cooperativa, dai volontari e dalle associazioni ed enti formativi riconosciuti dal territorio. Da settembre 2018 tutti i giovani sono inseriti nei percorsi scolastici CPIA della Città di Torino al fine di prepararli per prendere il diploma di terza media.

Cosa si può ancora fare. La Cooperativa Biosfera crede molto in questo progetto e in un mondo aperto all’accoglienza rispettoso delle fragilità e delle differenze.

La Cooperativa con passione e energia impiega molte risorse, sia umane che economiche, per garantire ai giovani un futuro pronto ad accoglierli. I risultati sono incoraggianti, ma tanto di più possiamo fare.

È per questo che anche nel 2019 la Cooperativa ha deciso di destinare i fondi che saranno raccolti con la campagna del 5×1000 a sostegno progetti rivolti agli stranieri e delle sue attività.

decreto